Le regole dellattrazione e come farlo

LE 10 REGOLE DELL' ATTRAZIONE FEMMINILE

Laptop sesso

Film Sentimentale min. Regia di Roger Avary. Genere Sentimentale - USA, durata minuti. A una festa universitaria, Lauren perde la verginità come mai avrebbe voluto. Tratto dall'omonimo romanzo cult dell'americano Bret Easton Ellis. Al Box Office Usa Le regole dell'attrazione ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 6,5 milioni di dollari e 2,5 milioni di dollari nel primo weekend.

Studenti di un prestigioso college americano, alcuni personaggi intrecciano le loro vite durante l'anno accademico fino alla festa di fine corso, pomposamente battezzata "End of the World Party". Alla vuotezza dei giovani si affiancano professori dediti alla caccia di servizietti dalle studentesse e genitori irresponsabili.

Ispirandosi all'omonimo romanzo di culto dell'americano Bret Easton Ellis, Le regole dell'attrazione è la scanzonata quanto violenta discesa nella vita di un college americano, mostrata in tutta la sua vacuità. Un film apparentemente amorale quello diretto da Roger Avary, alla moda e eccessivo, accattivante per quel linguaggio che usa le figure della ripetizione e della reversibilità al fine di andare più a fondo in una diffusa voglia di distruzione.

Una struttura lineare avrebbe sicuramente tolto mordente a un lavoro che, in definitiva, germoglia intorno alla forsennata ricerca di un piacere autodistruttivo, proprio non solo di un personaggio, ma di tutti. Come nella letteratura dello stesso Ellis, l'accavallarsi di più linee narrative restituisce una coralità stravagante e pervasiva con caratteri migranti da un titolo ad un altro: non a caso, Sean Bateman è il fratello di quel Patrick Bateman - fuori scena, ma esplicitamente citato - che mostrerà la sua natura di terribile assassino nel successivo romanzo American Psycho, ma già portato sullo schermo da Mary Harron.

Tra i film tratti da Bret Easton Ellis è quello più vicino allo spirito del romanziere. A giudicare dal curriculum, il sig. Avary dovrebbe essere uno su cui poter fare affidamento, non fosse altro che per la partecipazione alla scrittura di Pulp Fiction. Ma anche Killing Zoesuo esordio alla regia, aveva qualcosa da dire, con quella sua genuina sgangheratezza.

Giunti a questa nuova prova ci vediamo purtroppo costretti a ricrederci, e a detrargli la fiducia concessa. L'incontro di Avary con il testo di Bret Easton Ellis, dà alla luce un'aberrante college movie che si situa esattamente a metà strada tra "Dawson creek" e simili e la cinematografia di Larry Clark BullyKen Park. La generazione in nuce partecipa bene o male dello stesso universo che è da tempo l'oggetto di analisi di Clark, questa adolescenza americana selvaggia e sessuomane, pur rimanendo lontano dall' allucinante perversità anche visiva che caratterizza la "poetica" di questi.

L'intreccio che muove i personaggi e risolve il pretesto narrativo è invece una "recerche" amorosa a catena, sul modello dei citati telefilm, per Le regole dellattrazione e come farlo inframmezzata da onanismo, sesso orale, e qualche siparietto vagamente pulp. La luce sotto la quale Avary posiziona il tutto, non è affatto quella del realismo pornografico di Clark, ma quella dell'ironia. Una tenue, flebile, solo sporadicamente apprezzabile, ironia, che si manifesta sin dall'inizio con l'operazione di ironica alienazione effettuata con la scelta del cast: alcuni degli attori sono estrapolati da questa o quella serie televisiva, e ricollocati nel film secondo una specie di legge del contrappasso che neghi e ribalti il buonismo del ruolo di partenza.

Eppure, nonostante le buone intenzioni, è a cominciare dalla scelta del cast che Avary si tira la zappa sui piedi, ed in particolar modo con quel Jason Van Der Beek alias Dawson che pur nella coralità della narrazione appare come il protagonista. Nel disperato tentativo di liberarlo dall'ingessatura telefilmica della cricca è quello che fa più fatica il regista gli regala un ruolo da bastardo, e lui che fa? Si stampa in faccia un ghigno ebete, al limite della parodia di quello di Malcom McDowell in Arancia Meccanicae fastidiosamente lo ripropone ad ogni occasione.

Attori a parte, la regia si Le regole dellattrazione e come farlo esibizionista e pretenziosa fin da prima dei titoli di testa: infarcita di tarantinate d'accatto, soluzioni narrative da film "giovane", manierismi gratuiti ed ingiustificati. Dulcis in fundo Avary non solo si concede alla citazione ed al saccheggio ma cede addirittura alle lusinghe di un'autoreferenzialità alcune battute sulla paternità di Killing Zoe non guadagnata. Visto che pare che questo tandem Avary-Bret Easton Ellis debba continuare ben due adattamenti sono in agendasperiamo che si raddrizzi il tiro.

Ad una festa in un campus universitario, Lauren perde la verginità nel peggior modo immaginabile. Scopriamo che avrebbe voluto farlo con Victor, che neanche si ricorda di lei, o magari con Sean Bateman, cinico spacciatore del college che stupisce tutti e sé stesso innamorandosi della pura Lauren. Senza sapere che non è a lei che ha spezzato il cuore e che non è lei che ogni giorno gli manda quelle misteriose lettere d'amore.

C'è anche Paul, ex di Lauren che ora è gay ed è innamorato di Sean. Da Bret Easton Ellis un film oltremodo malvagio, cinico e nichilista.

Eppure incredibilmente romantico. In Le regole dellattrazione e come farlo alla confusione generale, Le regole dellattrazione e come farlo film, alcune cose brillano di luce intensa: su tutte, la scena del suicidio, che è semplicemente sublime. Van Der Beek supera agilmente la prova "post-Dawson's Creek", facendo la parte del bastardo con risultati notevoli: i discorsi che fa con sé stesso sono perle di Le regole dellattrazione e come farlo nonsense.

Peccato che Avary si conceda un film al decennio, visti i risultati: Le regole dell'attrazione è un pugno nello stomaco, proprio come ogni amore non corrisposto.

Tratto dal romanzo di Bret Easton Ellis, scritto e diretto da R. Avary, cosceneggiatore di Pulp Fiction. Ambientata nei reaganiani anni '80, Le regole dellattrazione e come farlo una storia sui giovani benestanti della middle class statunitense. Incapaci di amare, voraci consumatori di droghe, sesso e sbornie. È, tra l'altro, il fratello di Patrick, il protagonista di American Le regole dellattrazione e come farlo. Formalista forsennato e modaiolo, Avary si sforza di rendere il disperato caos di questa gioventù bruciata a colpi di sconnessioni temporali e frantumazioni spaziali dello schermo.

Distribuito in Italia con molti tagli nelle scene più crude. Mi ha tenuto letteralmente incollato allo schermo. Belli i personaggi anche se, effettivamente, un po' esasperati a tratti es: Le regole dellattrazione e come farlo Van Der Beek tira il machete sul braccio dello spacciatore nero. Fantastico lo spezzone in cui viene descritto il viaggio in europa di Victor. Tanta droga, tanto sesso, tanto alcool e tante volgarità ed oscenità ma comunque messe in scena in modo ottimo e sfumate [ Regia particolare e intrigante con le sue scene di riavvolgimento del nastro, con la sua intro dove presenta subito i protagonisti, con la sovrapposizione di diverse riprese, con le sue scene crude e grottesche, anche se poco realistiche.

Film che fa di tutto per essere eccessivo, volgare, squallido e ci riesce perfettamente, non risparmiando anche un paio di scene del tutto demenziali Non è solo un film presuntuosamente Almeno in apparenza sgangherato. Dove Avary dovrebbe capire che non ha senso rifare "Trainspotting", già magari sopravvalutato, se non sei Boyle, e sai quindi scherzare E drammatizzare sul trash, senza s cadere nel kitzch.

Di sigarette fumate do e non si dovrebbe, ralenti, spiace dirlo, a dir poco imbarazzanti, e la pretesa Magari ereditata [ Sembra un manicomio di sessuomani,tutti Le regole dellattrazione e come farlo sesso con tutti e con se stessi, e' mai possibile in un tempo cosi' concentrato?.

Tutti si drogano come bere un bicchier d'acqua. Film ideato da sceneggiatori esperti e capaci che hanno dato alla luce una sceneggiatura di bassissimo livello attori e regista sono stati pessimi il film non trasmettere emozioni magari per il suo plot.

Dialoghi insulsi con un tasso di volgarità esasperata e molteplici scene Le regole dellattrazione e come farlo sesso fini a se stesse. Sconsigliato agli amanti del cinema e non siate attirati dagli sceneggiatori ideatori di Pulp fiction [ Film veramente inconcludente, senza capo ne coda, privo di una benchè minima sceneggiatura degna di destare l'attenzione dello spettatore.

Unica risicata soddisfazione vedere il plurimilionario Hollywoodiano Clooney dimenarsi alla guida di una Fiat Tempra Alla faccia dei perbenisti, dei moralisti, delle suore, e di tutti quegli adulti e giovani smorti e senza un minimo di spirito rock 'n' roll.

E' chiaro che "The rules of attraction" vuole essere, da una parte, una provocazione bella e buona [ In un college del New England alla fine degli anni '80 un gruppo di ragazzi trascorre le giornate abusando di alcol Le regole dellattrazione e come farlo droghe, sullo sfondo di una società ricca e privilegiata che non sa più distinguere il bene dal Le regole dellattrazione e come farlo.

Avary adatta l'omonimo romanzo di Ellis unendo dialoghi post-minimalisti e dadaisti a tecniche narrative contemporanee come montaggi al contrario, split-screen [ Adesso ha stretto un forte sodalizio artistico con lo scrittore Bret Easton Ellis American Psycho il cantore della video generation affermatosi imberbe con Meno di zerodiventato film nel Forse il titolo provvisorio di "Animal College" avrebbe aderito meglio a questa produzione americana che nelle sale nazionali è uscita circa due anni fa.

Le regole dellattrazione e come farlo regole dell'attrazione è un film appartenente al genere college movies, popolato e popoloso di studentelli a stelle e strisce la cui occupazione principale è la triade non più originale "sesso, droga e rock 'n roll".

Tra gli studenti del Camden College, piccola università del New England, c'è Sean, che non va a lezione, è pieno di debiti e si ricicla in pusher per rimediare soldi. C'è Lauren, che non ha mai fatto sesso salvo i rapporti orali col professore: ma quello, come ci ha insegnato il caso Lewinsky, "non è sesso" e cerca l'amore vero.

C'è Paul, giovane gay cinico e libertino. Film Film uscita. Film al cinema. Film commedia. Film d'animazione. Film horror. Film thriller. Film d'azione. Film imperdibili. Film imperdibili Oggi al cinema. Eventi al cinema. Eventi Nexo Digital. I Wonder Stories. Festa del Cinema di Roma. Mostra del Cinema di Venezia. Locarno Festival. Biografilm Festival. L'isola del cinema.

Cannes Film Festival. La settima arte - Cinema e industria. Roma Creative Contest. Udine Far East Film Festival. Middle East Now. ArteKino Festival. Torino Film Festival. River to River Film Festival. Tokyo International Film Festival. Le vie del cinema a Milano.